L’Hockey su Prato

hockey su pratoTra i vari tipi di hockey che si trovano diffusi non manca l’Hockey su Prato che è uno sport di squadra che si svolge, in genere, su campi di erba naturale, ma anche su erba sintetica.

In questo tipo di hockey si affrontano sempre due formazioni ma che sono composte da 11 giocatori ognuna. I giocatori utilizzano bastoni ricurvi in legno o altri materiali che utilizzano per spingere una pallina nella rete avversaria.

Esiste anche una variante ridotta di questo sport che si gioca in palestra ed è l’hockey su prato indoor che vede 2 squadre composte da 4 giocatori più un portiere affrontarsi con lo stesso scopo dell’hockey su prato classico.

L’Hockey su prato ha molte somiglianze con il gioco del calcio anche se si utilizza un bastone curvo per colpire la palla.

Il campo da gioco è rettangolare in erba naturale o sintetica con dimensioni di circa 92 metri x 55 con 2 porte avanti alle quali ci sono 2 aree semi circolari.

I giocatori delle due squadre che si affrontano durante una partita di hockey su prato sono 11 per parte e ogni squadra può cambiare gli uomini in campo scegliendo fra i 5 giocatori nella propria panchina. A differenza del calcio, le sostituzioni sono continue e senza limitazioni.

La partita di hockey su prato è diretta da 2 arbitri e si divide in 4 tempi ognuno dei quali di 15 minuti con un intervallo che può variare e cioè essere di 2 o 15 minuti.

In particolare, fra le regole del gioco vi è quella che vieta di giocare la palla con la parte tonda del bastone, giocare la palla in maniera pericolosa per l’avversario, portare il bastone sopra l’altezza delle spalle oppure frapporsi fra avversario e pallina.

D’altro canto è possibile alzare la pallina per saltare l’avversario anche se i giocatori devono essere almeno a 5 metri di distanza l’uno dall’altro.

Solo il portiere, ovviamente, può utilizzare le mani, ma tutti possono utilizzare anche le altre parti del corpo per toccare la pallina.

Tenete presente che una rete può essere segnata solo nel caso in cui la palla venga giocata da un giocatore all’interno dell’area di tiro.

La Storia dell’Hockey su Prato

storia hockey su pratoQuello dell’hockey su prato è un gioco dalle origini antichissime. Infatti, si pensa che i primi a praticarlo furono i persiani o che derivi da una disciplina giapponese chiamata Dakyu.

In seguito, questo sport divenne famoso in tutto il mondo ed anche in Italia e, soprattutto, in Sardegna, Piemonte, Emilia Romagna, Liguria e Veneto.

In Europa medievale, l’hockey su prato era molto popolare, ma particolarmente diffuso in Francia e Inghilterra.

In particolare, sotto la spinta dell’imperialismo britannico, poi, si diffuse l’hockey su prato in tutto il mondo e oggi la nazionale più forte al mondo è quella australiana.

L’Inghilterra, quindi, è il paese dove l’hockey su prato ha visto la sua vera e propria nascita, ha avuto regole e connotazione di sport da gentiluomini per poi espandersi in tutto il mondo.

Tra le competizioni dedicate all’hockey su prato non mancano le olimpiadi, ma anche la coppa del mondo (Hockey World Cup), la Champions Trophy e varie altre tra cui il Campionato Italiano di Hockey su Prato e la Coppa Italia.